Sagra della Taranta e della Pizzica

Salve 21 Agosto 2016

Qualche notizia su Salve

Il nome della città esprime un saluto, ed al tempo stesso un allettante invito, a visitare le bellezze del luogo, a conoscere l'affascinante storia della sua civiltà e l'inebriante vitalità delle località balneari.
I primi insediamenti umani nel territorio di Salve risalgono a circa 60.000 anni fa. Lo testimoniano i rinvenimenti di raschiatoi, limacce, punte e frammenti ossei di Grotta Montani. In località Macchie don Cesare, una decina di anni fa, sono stati scoperti tumuli funerari perfettamente conservati, risalenti a circa 4500 anni fa. La città di Salve fu fondata in età altomedievale. La scelta di insediarsi in un luogo "salubre" come quello in cui sorge Salve è dovuto alla presenza di paludi nel territorio paracostiero, bonificate solo intorno alla metà del secolo scorso, ma anche all'intensificarsi di incursioni di pirati e corsari dal mare nel corso del IX – X secolo d.C., che suggerirono la scelta di un luogo posto leggermente in altura.
Nel XV sec per difendersi dagli attacchi dei Turchi, i salvesi costruirono un piccolo ma ben munito Fortilizio, grazie al quale resistettero valorosamente agli assalti dei corsari barbareschi, tra cui quello del 22 luglio 1547 ad opera del temibile pirata Dragut.
E' in questo periodo che le autorità spagnole decisero di iniziare la costruzione delle torri costiere. Quella posta in territorio di Salve, la Torre dei Pali, fu ultimata nel 1563. Costruita su uno scoglio isolato, circondato dall'acqua, ad una ventina di metri dalla riva, questa torre era unita alla terraferma da uno stretto ponte in muratura.
Nel 1628 i Salvesi acquistarono un organo per la Chiesa. Opera dei maestri Giovan Battista Olgiati da Como e Tommaso Mauro da Muro, l'organo, orgoglio e vanto dell'intera comunità, risulta essere il più antico di Puglia tra quelli funzionanti e tra i più antichi d’Italia.
Da visitare, la cappella di Santu Lasi, la Chiesa di S. Antonio, la masseria dei Fani, l'ex convento dei Francescani, i numerosi palazzi e case a corte nel centro storico e la pajara Trauscello.
A Ruggiano, fraz. di Salve, il Santuario di Santa Marina, testimone del gusto barocco del luogo.
La principale attrattiva del territorio di Salve sono divenute le sue spiagge: Pescoluse, Posto Vecchio, Torre Pali e Lido Marini, caratterizzate da acque limpide e spiagge di sabbia dorata, richiamano migliaia di turisti.

INFO:
389 92 36 854

La Sagra della Taranta e della Pizzica

Musica, cultura e gastronomia caratterizzano la serata. La pizzica, musica popolare salentina, veniva suonata nei momenti di festa nonché, costituiva il principale accompagnamento del rito del tarantismo con lo scopo di "esorcizzare" le donne tarantate e guarirle dal loro male, attraverso il ballo che questa musica frenetica scatenava. Il travolgente ritmo della "nostra pizzica" coinvolgerà, come ogni anno grandi e piccini. Non a caso, per il grande concerto, sono stati scelti i gruppi popolari ZIMBARIA e PATHOS TARANTA.
In questa meravigliosa cornice, sono collocati gli stands gastronomici, con piatti unici e genuini, per assaporare antichi e nuovi sapori della tradizione salentina.

  • STAND 1: Spumoni
  • STAND 2: Dolci
  • STAND 3: Carne alla griglia
  • STAND 4: Pittule
  • STAND 5: Patatine fritte
  • STAND 6: Pezzetti di cavallo
  • STAND 7: Pasta casareccia
  • STAND 8: Bibite
  • STAND 9: Bibite
  • STAND 10: Piatti casarecci